Ad Expando

mercoledì 30 giugno 2010

Il Paese delle Meraviglie

Peter pan non lotta più
ha venduto il suo pugnale,
Capitan Uncino manda Wendy
a battere sul viale,
l'isola incantata
è già stata lottizzata,
e Alice nelle bottiglie
cerca le sue meraviglie.
Paperino sta in catena
e lavora di gran lena,
Paperina ha compassione
vende baci a Paperone,
Qui quo qua sono andati via
vanno a rischi nell'autonomia
e voi intellettuali
ne avete già discusso
a che serve poi menarla
con la storia del riflusso.
Don Chisciotte non è contento
ma lavora in un mulino a vento,
Alibabà e i quaranta ladroni
hanno già vinto le elezioni,
Hansel e Gretel hanno fondato
una fabbrica di cioccolato,
e Alice nelle bottiglie
cerca le sue meraviglie.
Gli stivali delle sette leghe
pagan bollo e assicurazione,
le scope delle streghe le ha
abbattute l'aviazione,
Pollicino è nella CIA
gli fan far la microspia,
e voi intellettuali
ne avete già discusso
a che serve poi menarla
con la storia del riflusso.
Cenerentola ha una Jaguar
e un vestito molto fine,
ogni volta che c'e' un prince
leva scarpe e mutandine,
la matrigna vecchia arpia
prende i soldi e mette via,
e voi intellettuali
non avete mai discusso
di come torna l'onda
alla fine del riflusso.
(Nomadi - "Il paese delle Meraviglie")


Marcello Dell'Utri
Non finisce mai di stupire questo Paese, nel quale, per qualche strano motivo, alcuni soggetti legati alla mafia si redimono come tanti Sauli sulla via di Damasco, non appena scendono in politica. Accadde già con il Senatore a vita, il disonorevole Andreotti, mafioso fino al giorno dopo che intervenisse la prescrizione, accade ora con un altro disonorevole, Marcello Dell'Utri, colluso con la mafia fino al giorno prima di fondare Forza Italia. Lui senatore a vita non lo è ancora, in compenso dall'alto della sua integerrima integrità continua imperterrito ad insistere sull'eroicità dello stalliere della villa di Arcore, Vittorio Mangano, mafioso pluriomicida nonché truffatore ed estorsore. Eroico perché, ovviamente nulla "inventò" su Dell'Utri e Berlusconi: in realtà nulla disse, in perfetta conformità con i comportamenti omertosi tipici della mafia. 
Qualcosa invero si muove, e onore va ai giovani di Azione Universitaria (area PdL) i quali affermano che:
"Mentre Dell'Utri continua a definire un eroe il mafioso Vittorio Mangano, noi affermiamo con orgoglio che gli eroi dei giovani siciliani sono persone come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino"
 Intendiamoci, non che una tale affermazione rappresenti un motivo di orgoglio.
Non in un Paese normale, dove sarebbe un'ovvietà. In Italia però no, visto che ogni cosa viene stravolta. Infatti la coordinatrice dei giovani PdL della Sicilia, tal Costanza Castello si dissocia (ti pareva), sdegnata :
Siamo letteralmente allibiti per l'uscita quanto meno impropria dei 'sedicenti' giovani del Pdl siciliano. Noi che rappresentiamo la parte evidentemente liberale e garantista ne prendiamo nettamente le distanze
Perché il pensiero berlusconiano prevede che il garantismo vada comunque al di là delle sentenze: bisogna essere abbastanza garantisti da supporre che i giudici possano ravvedersi e uniformarsi al credo, e anche in caso di sentenze definitive bisogna garantire immunità ai propri alfieri perché evidentemente la magistratura impazzita vuole minare la democrazia. Essere liberali invece significa semplicemente poter fare qualunque cosa possa convenire al soggetto, anche contro la legge, purché porti benefici al soggetto e meglio ancora se viene coinvolta la cittadinanza.
Un "Eroe" della Libertà
In altre parole costruire un'albergo abusivamente in una zona sottoposta a vincolo è fattibile se questa apporta un vantaggi economici alla società, soprattutto in questo momento di crisi dove c'è poco lavoro. Fa nulla se chi fa l'abuso si arricchisce violando le leggi.
L'esempio non è a caso: sebbene rientrato, durante la discussione in Senato sulla manovra finanziaria, alcuni senatori (Campani) della maggioranza hanno cercato di far approvare un emendamento per cui non solo si sarebbero dovute fermare le ruspe, predisposte all'abbattimento di case abusive (in Campania), ma tali costruzioni dovevano persino essere messe all'asta con diritto di prelazione assegnato all'autore dell'abuso. Un liberale regalo alla Camorra, così come l'ennesimo condono edilizio, fortunatamente ritirato grazie alle pressioni dei Media (quelli per cui noi lettori dovremmo scioperare) che avrebbe permesso di sanare ogni violazione compiuta prima del 2008 anche su terreni sottoposti a vincolo storico e ambientale, sarebbe stato un regalo alle varie mafie, comprese quelle legate alla sola mentalità che affligge questo paese, sempre più dei furbi (e furbetti) e sempre meno degli intelligenti (che infatti se possono fuggono all'estero con il loro bel bagaglio di materia grigia).
Gli emendamenti sono rientrati ma qualcuno li ha proposti e qualcun altro firmati. I primi ovviamente sono riamasti anonimi, i secondi hanno addotto delle scuse tra cui l'aver firmato senza leggere. Insomma uomini a cui noi affidiamo la rappresentanza non leggono le leggi che propongono, non sanno chi gli paga la casa, non conoscono le deroghe del proprio ministero.
La forma mentis, comunque è quella, non ci si può sbagliare: fare le leggi con inganni incorporati e poi accusare i Media avversi di disinformare o alla bene meglio, di fraintendere.
E intanto stravolgere il significato delle parole.
Gli esempi sono tanti, due, garantismo e liberalismo li abbiamo già visti, ma ce ne sono a bizzeffe: le "Libertà" leghista e forzista, il Partito dell'Amore berlusconiano, il confronto democratico del "possono morire" del Ministro della difesa La Russa, fino all'"Eroe" di Dell'Utri.
Ah! Dimenticavo: nel paese delle meraviglie c'è fortunatamente chi le notizie le da giuste:






Esempi di "libertà" di opinione...

2 commenti:

paolo ha detto...

Condivisibile al 100%.
Congratulazioni per aver sollevato un aspetto della questione spesso taciuto.
Ne approfitto per segnalare un refuso: "deleghe", non "deroghe".
Ciao

McG ha detto...

Deleghe-deroghe: quel che succede a scrivere articoli nella pausa caffè..
Grazie: corretto!
:)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...